Annunci

Intervista a Fulvio Collovati

Nel 1982 disputò un mondiale che oramai è entrato nella storia. Può raccontarci qualche aneddoto che ricorda con piacere?

Diciamo che la nazionale non partì certamente da favorita. Ricorda un momento nel quale avete capito che forse avreste potuto arriva in fondo alla competizione?

A livello di allenatori è stato piuttosto fortunato. Fu scoperto da Trapattoni e successivamente fu allenato anche da Liedholm e Bearzot.

Cosa ricorda di ognuno di loro, può raccontarci qualche aneddoto?

Ora, passando all’attualità, come reputa il percorso dell’under-21 agli Europei?

Cosa si sente di dire per quanto riguarda il caso Donnarumma?

Il Milan sta investendo pesantemente sul mercato. Con i nuovi innesti dove crede che si posizionerà in classifica la squadra di Montella?

RISPOSTE

Ricordo più bello perché si è incoscienti ed è un calcio pulito, ed è molto diverso dal calcio professionistico.

Penso che abbia raggiunto il mio obiettivo, quando diventi professionista devi rispondere a tante realtà, come la stampa e i tifosi, ed è tutto fantastico.
Sono stati scritti dei libri su questa vicenda,unica e indimenticabile non la dimenticherò mai.
vorrei ricordare Liedholm sono stato molto plagiato da lui e mi sono trovato benissimo, ma Marchiorio e Trapattoni mi hanno scoperto e devo molto a loro.
positivo però a livello giovanile siamo troppo indietro, ci sono nazioni come Germania e Spagna che ha speso tantissimo per le giovanili e hanno dei fuoriclasse in squadra, cosa che noi purtroppo non abbiamo.
Donnarumma avrebbe dovuto ponderare la sua scelta, è stata troppo veloce, anche se dirà si, penso abbia perso molto d’immagine.
È un Milan che vuole arrivare tra le prime 4, e hanno speso tantissimo, però è ancora troppo presto per parlare di scudetto.

IMG-20170629-WA0155.jpg

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: